Alimenti Encyclopedia · Sapere cosa si mangia!



Voi qui: BibiteBevande alcolicheAlcolici




Il vino di palma è ottenuto dalla linfa fermentata di diverse specie di palme, fra cui la palma da zucchero (bot.: Arenga pinnata) e una palma del genere Nypa (bot.: Nypa fruticans), e viene prodotto in gran parte dell'Africa e dell'Asia Sud-Occidentale. Il nome cambia a seconda delle regioni di produzione, spesso è conosciuto con il nome di Toddy, come ad es. in molte zone dell' India e della Malaysia. Nell'India meridionale invece è chiamato Kallu, in Myanmar e nelle Isole Filippine Tuba.

La linfa delle palme viene spillata due volte al giorno, (vedi anche: zucchero di palma) e inizia subito a fermentare: dopo due ore il vino ha un contenuto alcolico del 4 per cento e sapore aromatico. E' possibile lasciarlo fermentare più a lungo, ma già dopo un giorno si ottiene un vino molto forte e dal sapore acido, per cui è necessario arrestare il processo di fermentazione, sia per non innalzarne il contenuto alcolico, sia per evitare che diventi aceto. Il vino di palma ha una conservabilità molto limitata, e di solito viene bevuto entro breve tempo.

Dal vino di palma si può ottenere per distillazione un' acquavite, conosciuta sotto diversi nomi a seconda della regione: in Indonesia è chiamata Arrak, in Sri Lanka Tuak.


↑ top · Indice


Seguimi

foodlexicon.org @ google+:



↑ top · Indice


Ladezeit: 0.005662 Sekunden