Alimenti Encyclopedia · Sapere cosa si mangia!



Voi qui: Igiene in cucina



© Sebastian Kaulitzki / Fotolia.com





Le salmonelle sono batteri presenti ovunque nell’ambiente, nel terreno come nelle piante, e sono gli agenti patogeni della salmonellosi, un’infezione anche grave che colpisce l’apparato gastro-intestinale dell’uomo, soprattutto nei soggetti con difese immunitarie deboli, bambini, donne in attesa, persone anziane o malate.

Da noi in Europa le infezioni da salmonelle sono da ricondursi spesso al consumo di pollame e uova, ma il rischio di contaminazione è molto minore di quello che si ritiene comunemente, a condizione di seguire alcuni accorgimenti durante la preparazione.


↑ top · Indice



Trasmissione tramite alimenti

In pratica, le salmonelle sono presenti in quasi tutti gli alimenti: acqua, frutta e verdura, latte e latticini, pollame e carne, pesce e frutti di mare, ma il rischio maggiore proviene dagli alimenti di origine animale. Al contrario delle piante infatti, gli animali possono infettarsi con le salmonelle, e quindi contribuire alla loro diffusione nell’ambiente.


↑ top · Indice



Misure igieniche


Osservando le seguenti precauzioni quando si è a contatto con gli alimenti – in questo esempio il pollame - il rischio di infezioni non sussiste.

  • Conservare il pollame sempre in frigorifero: a temperature inferiori ai sette gradi Celsius, le salmonelle non si riproducono. Per conservare il pollame fresco la temperatura ottimale è di zero gradi.
  • La carne cruda non deve entrare in contatto con altri alimenti, soprattutto se vengono consumati a crudo come insalata verde erbe aromatiche, o funghi.
  • Gli attrezzi di cucina vanno lavati bene ogni volta, prima di riadoperarli.
  • Prima e dopo il contatto con la carne, lavarsi accuratamente le mani.
  • La cottura del pollame ad una temperatura di almeno 70 gradi Celsius elimina definitivamente il rischio di infezione.

In Italia si registrano annualmente 10.000-15.000 casi di salmonellosi. I sintomi della malattia appaiono non prima di sei e non oltre 72 ore dall’ assunzione dell’agente patogeno, e possono manifestarsi con crampi allo stomaco, forte diarrea, vomito, mal di testa e febbre. In questo caso, consultare sempre il medico.


↑ top · Indice


Seguimi

foodlexicon.org @ google+:



↑ top · Indice


Ladezeit: 0.037291 Sekunden